Dal salento - Prodotti tipici dal salento

Vai ai contenuti

Menu principale:

Dal salento

UTILITY
 

<--La pizzica: Tipico ballo antico salentino. Il significato di pizzica sta nel ballo che veniva eseguito da persone che venivano pizzicate dal ragno. La gente anziana racconta di donne che ballavano per giorni interi fin quando non finiva l'effetto del veleno iniettato dal ragno. Verità o leggenda? chi lo sa. Intanto il ballo sta diventando una vera cultura per la gente salentina. Molte sono le scuole di ballo che propongono la pizzica accanto ai classici .

 

<-- Le pittole: Non si può venire nel salento e non assaggiarle. Eppure sono semplici pastelle di farina, acqua e lievito, bollite nell'olio salentino. Buonissime da gustare calde calde senza nulla altro o accompagnarle ai piatti come se fosse del pane. Dolci,  inzuppate nel miele o nel cotto (una specie di marmellata di uva o altri frutti che ha la consistenza del miele). Per poterle fare, buone buone, bisogna avere esperienza e il metodo farselo spiegare dalle massaie.

Sagne Cannullate-->: Pasta del nostro salento. All'aspetto assomigliano a tagliatelle girate su lore stesse. Non hanno una cottura omogenea , nel piatto sebrerà che siano in alcuni punti più al dente. Ma il bello è proprio li. Con la carne di maiale sono l'ideale. E se nel servirvele vi sembreranno troppe. Beh! state ben certi che alla fine direte di volerne altre.

 

Frise-->: La frisa o frisella salentina è un tarallo tagliato ottenuto dalla lievitazione di farina di grano o orzo con acqua  sale e lievito. Il forno cuoce per ben due volte il pezzo. La seconda cottura servirà a rendere la frisella durissima. La si prepara bagnandola nell'acqua, riportandola così allo stato morbido. Con pomodori, mozzarella, sottaceti e chi più ha fantasia si inventi il modo di gustarle.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu